di Valeria Montebello

 

La tecnologia facilita il nostro modo di trasformare i paesaggi, di coltivare, di immagazzinare attrezzature, di monitorare l'irrigazione. Esistono periodi nei quali la velocità con la quale si trovano strumenti per risparmiare lavoro è superiore alla capacità di trovare il modo di applicarli. Keynes parlava della “disoccupazione tecnologica” della sua epoca, un fenomeno passeggero: l’economista pensava che il livello di vita delle persone che sarebbero vissute cent’anni dopo di lui sarebbe stato da quattro a otto volte superiore a quello degli anni Trenta. In effetti è così. Le innovazioni, oggi, vanno ben oltre il download di alcune app. Nello specifico, le novità nel campo della progettazione del paesaggio e nel giardinaggio sono la modellazione 3D, la mappatura GPS, la tecnologia laser, i droni, la robotica, i dispositivi in grado di rilevare il tempo e l'umidità del terreno per mettere in funzione l'irrigazione di precisione e le apparecchiature alimentate a batteria a emissioni zero. "Stiamo assistendo a un aumento dei professionisti del paesaggio che utilizzano tecnologie avanzate per pianificare progetti per i clienti", ha affermato Missy Henriksen, vicepresidente per gli affari pubblici dell'Associazione nazionale professionisti del paesaggio. "Oggi i professionisti utilizzano i droni per esaminare le proprietà, per ottenere una vista a volo d'uccello prima e durante la fase di creazione del progetto". I droni possono anche aiutare le aziende a risparmiare prezioso tempo operativo e di manodopera che può essere utilizzato nelle altre fasi del progetto. Gli aggiornamenti della tecnologia delle batterie hanno accelerato il passaggio verso strumenti da giardino più leggeri e facili da trasportare, basta pensare agli utensili cordless che utilizzano batterie di accumulo e offrono la massima flessibilità, la massima libertà di movimento grazie all’assenza di cavi. Un certo numero di aziende costruisce motori multiuso che vengono utilizzati per equipaggiare una varietà di attrezzi che vanno dalle falciatrici da passeggio alle lavatrici.Uno dei primi fattori di acquisto che i consumatori indicano come prioritario è la facilità di manutenzione, per questo molte aziende stanno lavorando sulla semplificazione: piccoli motori azionati solo da una maniglia, tosaerba più silenziosi e pieghevoli - per occupare meno spazio - e una serie di dispositivi tecnologici per l’irrigazione di precisione.

L'Agenzia per la protezione ambientale stima che i sistemi di irrigazione tradizionali perdano il 50% della loro acqua che è evidentemente eccedente. "Il nostro obiettivo è offrire ai proprietari di casa dei modi semplici per utilizzare l'acqua in modo più efficiente e responsabile, e per rendere più semplici ed efficienti l'irrigazione e la cura del prato", ha dichiarato Josh Peoples, presidente e direttore generale di Scotts. L'uso di uno smartphone per monitorare sprinkler e umidità del suolo e l'irrigazione mirata di aree specifiche, dove le piante ne hanno davvero bisogno, forniscono metodi semplici non solo per risparmiare acqua, ma anche e soprattutto per rendere l'innovazione utile e più accessibile a tutti.