di Mattia Nesto

Il libro è morto, viva il libro! Così si potrebbe commentare la notizia secondo la quale The Voice Society, azienda leader nel settore dell’editoria di avanguardia, ha lanciato sul mercato i cosiddetti koob, ovvero degli audiolibri dotati di suoni 3D, modulati su pattern appositamente studiati per donare all’ascoltatore un’esperienza immersiva totale. Stiamo parlando di una vera e propria rivoluzione, promettono gli inventori, visto che i suoni riprodotti dai koob, in un certo qual modo, è come se 'ingannassero' il cervello umano, facendogli credere per davvero di stare vivendo un’esperienza assolutamente reale e concreta.

Leonardo Basterra, co-fondatore della società, ha spiegato che questa tecnologia è stata pensata soprattutto per i bambini: “Io stesso mi sono reso conto che l’esperienza di lettura delle nuove generazioni è molto diversa dal passato. Le bambine e i bambini nati dagli anni Novanta in avanti sono naturalmente immersi in una realtà multitasking e sempre connessa. Perciò – ha illustrato il dirigente – da genitore, nella perenne lotta per donare ai miei figli una giusta e corretta esposizione alla tecnologia, trovo che i koob siano la risposta ideale: sono al passo con i tempi e offrono la più profonda e densa esperienza narrativa e letteraria di sempre. Saranno grandi storie sviluppate su grandi supporti per grandi lettori”.

Ma oltre ad offrire un’esperienza immersiva quali sono gli altri obbiettivi perseguiti dalla società? “I koob sono stati pensati per poter, letteralmente, far esplodere la fantasia”, ha dichiarato Maria Tapias, cofondatrice della società. “Ora abbiamo iniziato con le storie per i ragazzi ma il nostro auspicio è quello di creare, in breve tempo, una colossale biblioteca con dentro storie di tutti i generi per ogni tipo di pubblico: pluriesperienze sempre contraddistinte da un grado di realismo e coinvolgimento altissimo. Leggere con koob sarà davvero un viaggio e un’esperienza a 360 gradi”.

Entro la fine di quest’anno la società con sede a Houston lancerà sul mercato almeno 40 titoli, ed è forte la curiosità di sapere come il mercato si comporterà di fronte a questo reale rivolgimento del concetto stesso di audiolibro.